SALDI ESTIVI: Fino al -40% su tutto il sito (offerta valida fino al 23/07/2024 incluso) / Trim Premium CBD Indoor in omaggio nel tuo ordine / We ship all over Europe
acido cannabidiolico CBDA
  • 0

L’acido cannabidiolico (CBDA) è una molecola naturale prodotta dalle piante di cannabis. Come molte altre sostanze della cannabis, il CBDA ha attirato l’interesse dei ricercatori per i suoi potenziali benefici sulla salute. In questo articolo vi diremo cos’è l’acido cannabidiolico e quali sono i suoi potenziali benefici per la salute. Vedremo a che punto è la ricerca scientifica e in quali prodotti trovarlo. Continua a leggere!

Che cos’è il CBDA e come si forma

Il CBDA (acido cannabidiolico) è il precursore del CBD. È un composto naturale non psicotropo che si trova nella forma grezza della pianta di cannabis. La formazione del CBDA inizia con l’acido olivetolico, che diventa in seguito acido cannabigerolico (CBGA). Durante le prime fasi di crescita della pianta, il CBGA si trasforma in CBDA e THCA, due cannabinoidi in forma acida. Quando la pianta viene riscaldata, il CBDA perde il suo gruppo carbossilico e si trasforma in CBD.

In che modo l’acido cannabidiolico, CBDA, agisce nel nostro corpo?

Proprio come il CBD, anche il CBDA interagisce con il sistema endocannabinoide del corpo umano (ECS). L’ECS è una rete complessa di recettori e neurotrasmettitori che regolano varie funzioni fisiologiche. Questo sistema regola l’appetito, il dolore, il sonno, l’umore e le risposte del sistema immunitario

Il CBDA interagisce con diversi recettori come, per esempio, il 5-HT1A: un sottotipo di recettori della serotonina. Sono importanti per la regolazione dell’umore e dello stress. L’interazione tra il CBDA e questi recettori può ridurre l’ansia e la depressione.

Il recettore PPAR-γ contribuisce a regolare i processi di immagazzinamento di energia e la sensibilità all’insulina. Interagendo con questi recettori, il CBDA può avere un impatto positivo sul metabolismo.

I recettori GPR55 sono coinvolti nella percezione del dolore, nella salute delle ossa e nella regolazione della pressione sanguigna. Secondo alcune ricerche preliminari, il CBDA potrebbe bloccare o limitare l’azione di questi recettori, riducendo la percezione del dolore.

Gli enzimi ciclossigenasi COX-1 e COX-2 sono coinvolti nel processo infiammatorio. Secondo alcuni studi, il CBDA può bloccare questi enzimi, riducendo l’infiammazione e alleviando condizioni come dolore o edema.

I potenziali benefici per la salute del CBDA

Molti studi hanno dimostrato che il CBDA può essere utilizzato in campo medico per trattare varie condizioni. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare le proprietà scoperte e comprendere gli effetti del CBDA sul corpo. I risultati finora sono stati molto positivi.

  • Proprietà antinfiammatorie

L’infiammazione è una risposta naturale del corpo a lesioni o infezioni. Quando diventa cronica, può portare a vari problemi di salute come artrite, malattie cardiache e cancro. Gli studi hanno dimostrato che il CBDA può essere ancora più efficace nel ridurre l’infiammazione rispetto al CBD. Può essere impiegato nella cura di malattie come l’artrite, la sclerosi multipla e il morbo di Crohn.

  • Proprietà ansiolitiche

Come visto, il CBDA interagisce con il sistema endocannabinoide del corpo, che regola l’umore e la risposta allo stress. Per tanto potrebbe avere importanti proprietà antiansia, ma sono necessarie ulteriori ricerche per confermarlo.

  • Proprietà antinausea

È stato dimostrato che il CBDA può aiutare ad alleviare nausea e vomito. Ciò lo renderebbe un valido alleato nel trattamento di queste condizioni, anche quando indotte dalla chemioterapia. Ancora una volta, è necessario eseguire ulteriori studi per confermare tali proprietà. 

  • Proprietà antiossidanti

Secondo una ricerca, il CBDA ha capacità antiossidanti, quindi può aiutare a ridurre lo stress ossidativo nel corpo. Le cellule, esposte a tossine e sostanze inquinanti, possono danneggiarsi, provocando anche malattie cardiache, diabete e cancro. Proteggendo le cellule dai danni, il CBDA favorirebbe la salute e il benessere generale

  • Proprietà antibatteriche 

Il CBDA svolge per le piante di cannabis un’azione antimicrobica. Potrebbe, quindi, aiutare anche gli esseri umani a combattere diverse infezioni batteriche. 

Prodotti che contengono il CBDA 

Il CBDA si trova negli estratti di cannabis cruda e non sottoposta a processi di lavorazione che prevedono il riscaldamento. Se acquisti uno dei seguenti prodotti, quindi, assicurati che la materia prima sia stata lavorata a freddo. Ti raccomandiamo di parlare con il medico prima di utilizzare il CBDA. Questo vale soprattutto se stai assumendo altri farmaci o se soffri di una condizione medica.

  • Succo di cannabis cruda

Uno dei modi più semplici e naturali per consumare CBDA è spremere, senza calore, foglie e germogli di cannabis cruda. Queste contengono il CBDA nella sua forma più pura. Il succo di cannabis può essere aggiunto facilmente a frullati o altre bevande.

  • Tinture e oli 

Tinture e oli si ottengono estraendo il CBDA dalla pianta di cannabis e unendolo, poi, a un olio vettore, come quello di cocco o d’oliva. Le tinture e gli oli sono facili da usare e possono essere aggiunti al cibo o alle bevande.

  • Creme e balsami topici

Il CBDA può essere applicato anche localmente sotto forma di creme e balsami. Questi prodotti vengono assorbiti attraverso la pelle e possono alleviare dolore e infiammazioni. I prodotti topici al CBDA sono particolarmente utili per le persone che soffrono di alcune malattie della pelle, come eczema o psoriasi.

  • Capsule e compresse

Capsule e compresse possono essere ottime fonti di CBDA, in quanto la dose è pre-misurata. La comodità è che possono essere assunte per via orale come qualsiasi altro integratore. 

Quali sono gli effetti collaterali associati al consumo di CBDA?

Non ci sono studi che hanno confermato degli effetti collaterali dovuti all’assunzione di CBDA. In linea di massima, potrebbe avere gli stessi effetti collaterali del CBD. Potrebbe portare, dunque, a sonnolenza, secchezza delle fauci o abbassamento della pressione sanguigna. 

Conclusioni

Il fatto che la cannabis possa contenere dei principi attivi preziosi per la salute umana non è certo una novità. Così come per il CBD, il CBN, il THC e altre sostanze, anche per il CBDA dobbiamo aspettare ulteriori ricerche prima di avere un quadro completo degli effettivi benefici di questa sostanza. Speriamo che gli studi sul CBDA proseguano e confermino gli ottimi risultati avuti finora.

Tags:

Scrivere una recensione

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *