SALDI ESTIVI: Fino al -40% su tutto il sito (offerta valida fino al 23/07/2024 incluso) / Trim Premium CBD Indoor in omaggio nel tuo ordine / We ship all over Europe
acufene
  • 0

Il cannabidiolo (CBD), il principio attivo che si trova nelle piante di cannabis, è noto per le sue proprietà terapeutiche. Tra i vari disturbi che (s’ipotizza) può aiutare a gestire, c’è l’acufene. L’acufene è una condizione caratterizzata dalla percezione di suoni che non sono presenti nell’ambiente esterno. Colpisce milioni di persone in tutto il mondo e, ad ora, non è stata ancora trovata una cura definitiva. In questo articolo, vedremo cos’è l’acufene, quali sono i suoi sintomi e come il CBD potrebbe aiutare a gestirlo.

Cos’è l’acufene?

L’acufene è la percezione di un suono che non ha una vera fonte esterna. Essendo “interno” alla persona, questo suono può essere sentito soltanto dalle persone che soffrono di acufene. Di solito, viene descritto come un ronzio, un sibilo o un fischio. Si tratta di un disturbo molto comune: secondo i sondaggi, ne soffrono circa il 10-25% delle persone. In alcuni casi, l’acufene può migliorare o scomparire nel tempo, ma in altri può peggiorare, diventando una condizione cronica.

L’acufene può influenzare negativamente la qualità della vita, perché interferisce con il sonno, la concentrazione, l’umore e altri aspetti quotidiani. In molti casi porta ad ansia o depressione. Purtroppo, al momento, non esiste una cura specifica per questo disturbo. Esistono però vari metodi per alleviare i sintomi, come alcuni dispositivi per la terapia del suono, le terapie comportamentali e farmaci.

Le cause dell’acufene

Le esatte cause dell’acufene non sono note. Tuttavia, i ricercatori hanno individuato diverse condizioni comuni:

  • Esposizione a un rumore molto forte;
  • Perdita parziale dell’udito; 
  • Blocco del condotto uditivo dovuto al cerume o al liquido derivante da un’infezione;
  • Effetto collaterale dell’assunzione in dosi elevate di alcuni farmaci;
  • Danni al nervo che trasporta i segnali sonori al cervello o alle aree del cervello che elaborano i suoni.

I farmaci che solitamente vengono utilizzati per curare l’acufene sono diversi. Questi comprendono, per esempio, i farmaci antinfiammatori non steroidei, come ibuprofene, naprossene e aspirina. Vengono impiegati anche alcuni antibiotici, farmaci antitumorali, farmaci antimalarici e antidepressivi. Anche i farmaci antiepilettici sembrano avere effetti positivi sull’acufene.

Quali sono i sintomi dell’acufene?

I sintomi dell’acufene non sono sempre gli stessi e possono variare, anche di molto, da persona a persona. Alcuni soggetti possono percepire dei suoni fantasma in uno o in entrambi gli orecchi o nella testa. Tali suoni vengono identificati come: ronzii, fischi, mormorii, click, sibili, stridii, rombi e altro ancora.

La percezione del suono può essere debole o forte, bassa o acuta, intermittente o costante. In alcuni casi, muovere la testa, il collo, gli occhi o toccare certe parti del corpo, influisce sui sintomi dell’acufene. Il suono percepito può sparire temporaneamente oppure alleviarsi. Nei questi casi, si parla di acufene somato-sensoriale.

In altri casi, l’acufene può corrispondere a un pulsare ritmico che va a tempo con il battito cardiaco. In queste situazioni, il disturbo viene classificato come acufene oggettivo. L’acufene oggettivo spesso ha una causa identificabile e può essere curato.

Cosa può fare il CDB contro gli acufeni?

Il CBD è universalmente conosciuto per le sue comprovate proprietà analgesiche e antinfiammatorie. Se l’acufene è causato da un’infiammazione nell’orecchio o da una lesione, il cannabidiolo potrebbe fornire sollievo. Se l’infezione o la lesione provocano dolore o fastidi vari, anche in questo caso il cannabidiolo aiuta a lenire tali sintomi. Sebbene le ricerche riguardanti gli effetti del CBD sull’acufene siano ancora limitate, i risultati ottenuti finora sono molto promettenti. Ecco alcune delle scoperte principali:

  • Il CBD potrebbe interagire positivamente con i recettori CB1 dell’orecchio

Nel 2007, il Dipartimento di Farmacologia e Tossicologia della School of Medical Sciences dell’Università di Otago ha effettuato uno studio molto interessante. Lo studio è stato condotto sui ratti e ha dimostrato che il CBD può interagire con i recettori CB1 presenti nell’orecchio. In particolare, il CBD sarebbe in grado di ridurre il rumore percepito. È stato confermato, dunque, un possibile legame tra l’acufene e i recettori cannabinoidi del corpo umano.

  • Il CBD migliora l’ansia e lo stress provocato dall’acufene

Nel corso del tempo sono state condotte diverse ricerche sulla correlazione tra CBD e acufene. Una recente ricerca ha rilevato che il CBD viene utilizzato spesso da pazienti con acufene per mitigarne i sintomi. È stato eseguito uno studio che ha coinvolto 45 pazienti tra i 30 e i 60 anni. Il risultato è stato che l’80% dei pazienti ha riportato vari benefici grazie al CBD

In particolare, i pazienti hanno rilevato una diminuzione dell’ansia e del fastidio provocati dall’acufene, nonché un aumento della qualità del sonno. Inoltre, il 96% degli intervistati ha dichiarato di essere disposto a utilizzare la cannabis per trattare l’acufene. Questa ricerca dimostra che il CBD può aiutare a ridurre l’ansia e lo stress continui causati da questo fastidioso disturbo uditivo.

Come usare il CBD

Il CBD è disponibile in diverse forme, tra cui: olio, estratti, capsule, cerotti, vaporizzatori, gomme, prodotti topici ed edibili. Quando si usa come rimedio per l’acufene, il CBD viene spesso somministrato sotto forma di olio. La modalità più comune è quella sublinguale. Infatti, applicando il CBD sotto la lingua con un contagocce, se ne favorisce il rapido assorbimento nel flusso sanguigno. Prima di provare il CBD per vedere se i sintomi dell’acufene migliorano, è importante discutere con il proprio medico curante. Il CBD, infatti, interferisce con alcuni farmaci come quelli anticoagulanti.

Conclusioni

Il CBD, grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e ansiolitiche, potrebbe rappresentare una valida opzione per la gestione dell’acufene. Se soffri di acufene e vuoi provare il CBD per vedere se hai dei miglioramenti, considera di iniziare col nostro olio CBD Full Spectrum. Abbiamo anche altri prodotti a base di CBD, comprese resine e infiorescenze. Quelli disponibili nello store GreenKarma CBD sono prodotti di alta qualità. Inoltre, puoi scegliere tra una vasta gamma di opzioni.

Tags:

Scrivere una recensione

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *