15% di sconto di Benvenuto con coupon KARMA15 / Spedizione gratuita per ordini superiori a 50 € / 20g di Trim Premium CBD in omaggio nel tuo ordine 📦 / We ship all over Europe

autofiorenti produttive
  • 0

Delle varietà di cannabis autofiorente e dei loro vantaggi avevamo già discusso in un articolo del nostro blog. Ora, è arrivato il momento di presentarvi le 5 varietà di cannabis autofiorenti più veloci e produttive da coltivare. Ricordiamo che questo articolo ha il solo scopo informativo. Se avete intenzione di coltivare cannabis autofiorente e non, vi raccomandiamo di farlo responsabilmente e nelle modalità previste dalla legge.

Le 2 varietà di cannabis autofiorenti più veloci

  1. Guava (8 settimane)

Una delle varietà di cannabis autofiorenti più veloci è sicuramente la Guava. Ha anche una resa considerevole ed è una delle varietà ad alto rendimento più diffuse e apprezzate. La Guava è una varietà di cannabis ibrida che raggiunge la piena maturità intorno all’ottava settimana. Se viene coltivata nelle giuste condizioni, sfoggerà bellissime sfumature viola sulle cime e sulle foglie. I suoi fiori offrono un mix di terpeni fruttati e pastosi. Essendo coperti da uno strato abbondante di resina, questa varietà di cannabis autofiorente è perfetta anche per ricavare hashish. 

  1. Lemon Cherry Cookies (8 settimane)

La Lemon Cherry Cookies è una delle cannabis autofiorenti più veloci perché matura intorno all’ottava settimana. È una pianta dalla struttura alta ma compatta, adatta anche ai coltivatori Indoor. I fiori hanno un bel colore viola intenso e sono ricoperti di resina e tricomi rossi. Hanno un gradevole sapore di limone con note dolci e fruttate.

La Lemon Cherry Cookies non è complicata da coltivare, per tanto è adatta anche ai principianti. Una volta fiorita, le infiorescenze si gonfieranno di giorno in giorno assicurando un’ottima resa. Nello stato naturale, gli alti livelli di THC forniscono prima un potente senso di euforia e poi un relax profondo. Non è una cannabis che “inchioda al divano”, quindi è possibile usarla anche prima di svolgere delle attività.

Le 3 varietà di cannabis autofiorenti più produttive

  1. Sour Jealousy (500-600 gr/m2)

La Sour Jealousy Auto è un ibrido a predominanza Sativa con una resa molto importante che arriva fino a 600 gr/m2. I suoi fiori sono grandi e molto densi, coperti da uno strato abbondante di resina. Il sapore può essere descritto come un mix di sour e diesel con sfumature terrose. Nel suo stato naturale, la Sour Jealousy ha dei livelli di THC molto alti. Una volta usata, offre prima una forte euforia e poi un gradevole senso di relax.

Durante la fioritura, che si completa intorno alla decima settimana, cresce fino ai 110-150 cm di altezza. Per questo motivo è più adatta alla coltivazione Outdoor. Può essere coltivata Indoor solo se si possiedono ampi spazi, in quanto difficile da nascondere. La Sour Jealousy è una varietà eccellente per i coltivatori professionisti. Va bene anche per i principianti, perché è molto facile da coltivare. Gli esperti consigliano di coltivare la Sour Jealousy autofiorente all’inizio della fase vegetativa. Questo permetterà di massimizzare i rendimenti e sfruttare al meglio lo spazio di coltivazione. 

  1. Cherry Cola (500-600 gr/m2)

La Cherry Cola è un ibrido Indica e Sativa che produce fino a 500 gr o 600 gr di infiorescenze. Questo la rende una delle varietà autofiorenti più produttive al mondo. Anche per quanto riguarda la velocità di crescita si fa rispettare. I fiori, infatti, possono essere raccolti ogni 9-10 settimane.

La Cherry Cola cresce fino ad un’altezza che può andare dai 90 ai 150 cm. Durante la fioritura, le cime copriranno l’intero ramo. I fiori saranno ricchi di terpeni, che conferiscono un aroma fruttato con note cremose e frizzanti. L’abbondante resina, invece, darà alle infiorescenze l’aspetto “innevato”. Il sapore è una miscela di frutti di bosco con note frizzantine e un retrogusto di Coca Cola e ciliegia.

Essendo resistente e facile da coltivare, questa è una buona varietà per i principianti. Per quanto riguarda gli effetti, invece, nel suo stato naturale, porta buon umore ed energia. Dona anche una gradevole sensazione di appagamento e relax.

  1. Pound Cake (600 gr/m2)

La Pound Cake è una varietà di cannabis autofiorente ibrida a predominanza Sativa. Dato che può produrre fino a 600 gr/m2, è senza dubbio una delle autofiorenti più produttive in assoluto. La Pound Cake fiorisce dopo 10 settimane. I fiori sono caratterizzati da un dolce sapore che ricorda quello del cheesecake ai lamponi con sfumature cremose. Emana un buon odore di frutti di bosco con note alla nocciola.

Nel suo stato naturale dona un effetto di beatitudine ed euforia e può aumentare motivazione ed energia. È perfetta da chi vuole passare una giornata in attività che richiedono focalizzazione e produttività. La Pound Cake è una varietà dall’aspetto cespuglioso e di grandi dimensioni. È capace di raggiungere i 150 cm di altezza. Per questo motivo è consigliabile coltivarla all’aperto, meglio se in un clima caldo.

Perché dovresti coltivare dei seeds autofiorenti?

Coltivare cannabis autofiorente presenta diversi vantaggi, soprattutto per i coltivatori amatoriali o per chi ha limiti di spazio e tempo. Innanzitutto, la loro dimensione più contenuta le rende più facili da gestire ed eventualmente nascondere dagli occhi indiscreti del vicinato. Le cannabis autofiorenti fioriscono da sole dopo un certo periodo, senza la necessità di regolare i tempi luce/buio. Inoltre, hanno cicli di vita più brevi e questo permette di avere più raccolti all’anno. 

In Italia, esistono diversi vincoli per la coltivazione della cannabis. Innanzitutto, il limite massimo di piante coltivabili è di 3 o 4 unità. In secondo luogo, l’uso consentito è esclusivamente quello personale. Infine, in caso di controlli, il possesso di qualunque strumento per aumentare il rendimento potrebbe lasciar intendere un uso diverso da quello consentito. 

Essendo resistenti e autonome e non avendo bisogno di lampade, le autofiorenti sono una scelta ideale per i principianti e l’uso domestico senza strumentazioni. Sono le più conformi ai requisiti di legge e possono, comunque, garantire un buon rendimento.

Conclusioni

Vi ricordiamo che, in Italia, la coltivazione di cannabis è legale solo entro certi limiti e che l’utilizzo deve essere esclusivamente personale. Le infiorescenze non possono essere né vendute né tantomeno cedute a terzi. Per altri informazioni, curiosità e consigli sulla coltivazione, date un’occhiata agli articoli presenti nel nostro blog. Vi auguriamo un raccolto abbondante e, soprattutto, nel pieno rispetto della legge.

Scrivere una recensione

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *